Raggio di sole

 

Riarse di mia vita fato

ormai copiose stille,

sol nere ombre

profonda solitudine

alimentan sovente.


Di perduti sogni laceri

frantumi a volte,

d’improvviso,

in còr vetust’ avverto.


Ma di serena vita

inutil tentativi,

da penose ombre

vieppiù oscurati,

già sfuman

lontano, lontano


D’agognata pace

subitaneo balenìo,

talor,

tediato còr avverte

ed un tenue sorriso

stabil dolor lenisce.

 

Ultimo aggiornamento (Venerdì 16 Ottobre 2020 15:58)