Ultimi Commenti
  • Grazie! Grande articolo, non sempre si trovano per... Leggi...
    29.07.15 06:45
  • Gentilissimo prof Crea,vorrei contattarla per dell... Leggi...
    01.01.14 22:17
  • Sempre più sorprendente ...ancora una volta grazie... Leggi...
    21.11.13 15:58
  • gran bell'articolo, davvero interessante Leggi...
    20.12.09 10:58

In Bacheca

Mormanno e il suo dialetto (con filmato)
Venerdì 22 Agosto 2014
Mormanno e il suo dialetto Còsi cuséddrhi, canzùni, muttètti, dìtti, pruvèrbi: tùtta rròbba di Murumànnu. Presentato presso la Biblioteca... Leggi tutto...
Valdesi a Mormanno, in Calabria citra
Lunedì 21 Ottobre 2013
Introduzione Ringrazio di cuore l’Amico Saverio Napolitano 1, storico, per i suoi continui incoraggiamenti e la presentazione. Ringrazio per avermi... Leggi tutto...
Mormanno.La Spicandòssa,un'erba una volta molto diffusa
Giovedì 04 Aprile 2019
    La  Spicandòssa  o  Spicaddòssa   Quand’ero ragazzino ricordo che con mia nonna e mia madre, in primavera, andavamo talvolta, per... Leggi tutto...
19 MARZO a MORMANNO:"Lu Cummìtu" di San Giuseppe
Lunedì 11 Marzo 2019
  19 MARZO a MORMANNO: "Lu Cummìtu" di S. Giuseppe” (1)   "Cummìtu" o convito, infatti, viene dal latino convivere, cioè "cum vivere".... Leggi tutto...
8 Marzo - Per la FESTA della DONNA(Poesia)
Venerdì 08 Marzo 2019
    Festa della Donna Da Eva della vita l’ arcano dono ereditasti e nel tuo sguardo, dolce, vivo é ancora il ricordo delle... Leggi tutto...

Terremoto a Mormanno


Subitamente amata terra trema

e intorno, l’aria pur, tutto si move,

poi per sangue rappreso dalle

viscere nodo in arsa gola sale

e suo battito il còre già smarrisce.

Avite angosce leste t’attanagliano

e, immoto, dei tuoi cari la sorte

già paventi, ma ancora inerte stai,

alfin torpida mente si riaccende e vai.

Tragica, orrenda fase, pur esperita o nova,

“ che ‘ntender non la può chi no la prova” 1.

Tante scosse avvertite in settant’anni,

non la più forte per poco evitata, ma

in video e dai racconti da tanti Amici

nel còr quasi vissuta e ormai assorbita,

“e se da lunge i miei tetti saluto, sento” 2

le vostre angosce e pur io me ne dolgo.




1Alighieri Dante - Vita Nova: Tanto gentile e tanto onesta pare

2Foscolo Ugo - Sonetti : In morte del fratello Giovanni

Ultimo aggiornamento (Venerdì 02 Novembre 2012 20:12)

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna