Ultimi Commenti
  • Grazie! Grande articolo, non sempre si trovano per... Leggi...
    29.07.15 06:45
  • Gentilissimo prof Crea,vorrei contattarla per dell... Leggi...
    01.01.14 22:17
  • Sempre più sorprendente ...ancora una volta grazie... Leggi...
    21.11.13 15:58
  • gran bell'articolo, davvero interessante Leggi...
    20.12.09 10:58

In Bacheca

Mormanno e il suo dialetto (con filmato)
Venerdì 22 Agosto 2014
Mormanno e il suo dialetto Còsi cuséddrhi, canzùni, muttètti, dìtti, pruvèrbi: tùtta rròbba di Murumànnu. Presentato presso la Biblioteca... Leggi tutto...
Valdesi a Mormanno, in Calabria citra
Lunedì 21 Ottobre 2013
Introduzione Ringrazio di cuore l’Amico Saverio Napolitano 1, storico, per i suoi continui incoraggiamenti e la presentazione. Ringrazio per avermi... Leggi tutto...
Il Tema del Viaggio: Virgilio:Le Bucoliche:ecloga I^
Martedì 23 Ottobre 2018
  Il tema del Viaggio: LE BUCOLICHE, ecloga I^, di P. Virgilio Marone. Qui inteso come nostalgia delle cose care che si rivivono prima di... Leggi tutto...
Da poesie inedite:La Valle dei Giganti Dormienti
Venerdì 03 Agosto 2018
  La Valle dei Giganti Dormienti   Nella vallata grande, dai Giganti dormienti ognor protetta, tra Battentieri e Mercure ben volentieri ogni anno... Leggi tutto...
Da Poesie Ined. : ANGELO
Lunedì 25 Giugno 2018
    A N G E L O   Pur tra sinceri o falsi elogi a me rivolti e di Figlia e Nipotini tante gioie in quest’anni godute, sappi, ... Leggi tutto...


Juan Ramòn Jimènez : Notturno


La mia lacrima e la stella

si toccarono, e in quel momento,

divennero una sola lacrima,

divennero una sola stella.

Rimasi cieco, rimase

cieco, d’amore, il cielo.

Fu tutto il mondo – e nulla più –

pena di stella, luce di lacrima.


Juan Ramón Jiménez nacque a Moguer, in provincia di Huelva, in Andalusia, il 24 dicembre 1881

Trascorse tra Moguer e Huelva un'in­fanzia di sogno che ricordò sempre con romantico sentimento.


Nel 1900 iniziò la storia della sua poesia, che portò avanti per tutta la vita ma con diverse sfumature

Nel 1956 ricevette il Premio Nobel per la poesia e morì nel 1958.

«Amore e poesia ogni giorno», recita il verso posto all'inizio di Eternidades, la raccolta che tratta il tema dell'amore, che percorre com'è naturale tutta l'opera di Jiménez

«La sua cortesia, la sua sensualità, la sua curio­sità, che lo portano come un bambino verso le cose, sono talmente pure, distaccate e spirituali, hanno una tale necessità sovrumana di perfezio­ne che si convertono in causa d'insoddisfazione e d'allontanamento. Il risultato è la malinconia, l'esaltazione del mondo interiore, la febbre di creazione» (F. de Onis).

Questa lirica del Jimènez, un po’ anomala rispetto al suo percorso poetico, evidenzia un momento chiaramente doloroso della sua vita, così angosciante da annullare, nel raccoglimento della notte, il positivo progetto di vita sopracitato.

Ma a me è piaciuta molto.

Lo sguardo del Poeta, offuscato dalle lacrime, si volge ad una delle innumerevoli stelle del firmamento ed è come se la inondi del suo sconfinato dolore, ricevendo a sua volta, quasi una consolazione, la luce abbagliante di quella.

Ma quelle lacrime, oltre ad espungere ogni sentimento d’amore dal suo animo, han fatto sì che anche il cielo venga contaminato da quel suo dolore che tutto pervade.

Non si può, pur in un diverso contesto, non pensare a Leopardi ed al suo pessimismo “cosmico”, mirabilmente espresso con differente linguaggio nel “Canto notturno di un pastore errante dell’Asia”.

Entrambi, infatti, esprimono la loro convinzione che vivere è soffrire e che tutti gli esseri viventi, persino gli astri, forse soffrono fin quando esistono.

Ma mentre il Leopardi perviene a quella certezza con un’espressione poetica discorsiva ed attraverso finti interrogativi, in Jiménez, dopo un secolo, quelle certezze sono ormai acquisite e con un linguaggio stringato ed essenziale, di esperienza modernista, rivela agli altri il suo stato d’animo.

In un contesto di una pallida luce astrale, il Poeta esprime la sua tormentata condizione in un senso di angosciante dolore universale.

Egli fa di questo paesaggio il punto di riferimento del suo spirito, che qualcuno ha definito un “culto panteista”, che confluisce in uno sfinimento perenne, sull’onda di Verlaine.

Sciolta dai legami contingenti, fatta poesia «pura», tutta la sua lirica diventa «eterna» nel tempo, unica nella sua originalità, ed ha le sue più alte vette in La estación total (1946), nei Romances de Coral Gables (1948) e in Animal de fondo (1950).

Ultimo aggiornamento (Mercoledì 16 Aprile 2014 18:22)

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna