Ultimi Commenti
  • Grazie! Grande articolo, non sempre si trovano per... Leggi...
    29.07.15 06:45
  • Gentilissimo prof Crea,vorrei contattarla per dell... Leggi...
    01.01.14 22:17
  • Sempre più sorprendente ...ancora una volta grazie... Leggi...
    21.11.13 15:58
  • gran bell'articolo, davvero interessante Leggi...
    20.12.09 10:58

In Bacheca

Curiosità: la"Legenda Aurea" di Jacopo da Varagine
Sabato 12 Ottobre 2019
JACOPO DA VARAGINE: LEGENDA AUREA la sacralizzazione del tempo   La Legenda aurea è un’opera di Jacopo da Varagine (1228-1298) dapprima frate... Leggi tutto...
Mormanno e il suo dialetto (con filmato)
Venerdì 22 Agosto 2014
Mormanno e il suo dialetto Còsi cuséddrhi, canzùni, muttètti, dìtti, pruvèrbi: tùtta rròbba di Murumànnu. Presentato presso la Biblioteca... Leggi tutto...
Da Poesie inedite: Corpose ombre
Mercoledì 14 Ottobre 2020
  Corpose ombre A volte di tristi pensier lampi affranto mio còr, molesti, van lacerando. Di smarriti sogni spesso beffardi... Leggi tutto...
Ricordo di Don Franco Perrone
Lunedì 13 Aprile 2020
    Ricordo di Don Franco Perrone Eri un ragazzino vivace, nei giochi tra noi, figli del popolo, al vicinato, curioso del mondo. Poi ci perdemmo... Leggi tutto...
Da Poesie Inedite: A La Carpinìta
Sabato 11 Aprile 2020
  A La Carpinìta Da lu pònti di li francìsi ‘na vijaréddhra va a la Carpinìta, e ijégu, già da quathràru, pi’nàvuthra... Leggi tutto...


 


A proposito di "Epidemie".


Da una ricostruzione (per quanto possibile) storica delle epidemie diffusesi sul nostro pianeta, emerge una sola ed

inoppugnabile certezza : Non sarà l’ultima, in quanto tante ci hanno colpito.

La prima cronaca a noi pervenuta di un’epidemia si deve allo Storico greco Tucidide, che descrisse il morbo

diffusosi in Atene nel 430 a. c.:< La malattia era inspiegabile e ci furono vari modi in cui si abbatté……...

Alcuni morivano per mancanza di cure, altri anche se curati. Nessun corpo si dimostrò sufficientemente forte

per resistere al male, fosse robusto o debole. La malattia li portava via tutti>. Non sappiamo di che malattia

si trattasse, ma le ipotesi più accreditate indicano il “tifo esantematico o petecchiale”, dovuto cioè ai pidocchi.

L’epidemia uccise circa la metà dei 150.000 ( centocinquantamila) abitanti ateniesi.

Tra il 167 ed il 170 d.c. il “Morbo di Antonino”, (che prese il nome dalla famiglia imperiale al potere) fece

circa 5 milioni di vittime nell’Impero, e si racconta che il famoso medico Galeno, impotente, lasciò Roma e si rifugiò

nella nativa Pergamo, in Turchia.

Tra il 252 ed il 267 sull’Impero si abbatté la malattia descritta dal Vescovo di Cartagine Cipriano, futuro Santo,

si trattava di peste bubbonica, e fu così contagiosa che Lo storico Procopio poi ci informa che una simile

epidemia cominciò uccidendovi da 5 mila a 10 mila uomini al giorno>.

Questa peste infesterà l’Europa per secoli, tanto che Paolo Diacono(720-799) dice nella Historia Langobardorum

<…..Nessuna voce nei campi, nessun fischio di pastori…famoso Non c’era ombra di alcun passante, né si vedeva traccia

alcuna di assassino, e tuttavia i cadaveri per le strade si perdevano a vista d’occhio>.

Ma una nuova catastrofe si abbatté sull’Europa nel 1347, con l’arrivo nel porto di Messina di 12 vascelli che

provenivano da Caffa(Mar Nero), carchi di grano, di topi, di moribondi e cadaveri. Nelle pulci dei topi si annidava

il batterio della peste bubbonica, che subito si diffuse,uccidendo un terzo degli europei: Firenze dimezzò la

sua popolazione; ad Amburgo e Brema morì il 70% degli abitanti.

Per arginare il contagio furono istituiti i “Pubblici Uffici”, che si occupavano di organizzare i lazzaretti,

le quarantene e le disinfezioni, embrione del sistema sanitario moderno.

Ma di nuovo nel 1630 arrivò in Italia la peste, portata dai Lanzichenecchi, al seguito dell’Imperatore

tedesco Ferdinando II :La popolazione di Milano ridotta a poco più di 6mila anime, prima passava le 250 mila>.

Un microbiologo svizzero, Alexandre Yersin, identificò il batterio responsabile, che adesso porta il suo nome

“Yersinia pestis”.

Nel 1800 poi, proveniente sempre dall’Asia, il “Colera”da Londra giunse a Parigi, passò in Germania ed arrivò

fino in Russia, in Africa, in America, e fu la prima vera emergenza del mondo globalizzato.

Ed ancora nel 1918 arrivò l’influenza “Spagnola”, perché ivi colpì per prima : morirono così dai 20 ai 50 milioni

di persone, per lo più tra i 20 e i 40 anni.

Negli anni ’50 giunse poi l’”Asiatica”, che però fece poche vittime.

Tra le grandi epidemie che hanno caratterizzato gli anni Duemila, la SARS è stata considerata la prima

minaccia globale del XXI secolo; si è verificata, infatti, tra il 2002 e il 2003 in Cina e,

purtroppo, da lì il virus ha raggiunto altri Paesi asiatici e occidentali.

Durante l'epidemia di SARS, la Cina ha avuto 5.327 casi e 349 morti, mentre a Hong Kong, il secondo

paese più colpito, ci sono stati 1.755 casi e 299 morti .

In Italia e nel Regno Unito, sempre secondo l’OMS, ci sono stati 4 casi, in Francia 7, in Germania 9,

in Australia 6, negli Stati Uniti 27, mentre in Canada 251.

Ancora nel 2012 è comparso in Medioriente il “Mers”, diffuso dai dromedari, che lo contraggono dai pipistrelli.

Nel 2014 in Brasile si diffonde “ZiKa”, diffuso dalle zanzare.

E due anni fa, nel 2018, si è diffuso dal Congo “Ebola” che ha un tasso di mortalità del 50%.

Non c’è da stare allegri o abbassare la guardia, ma occorre essere preparati al peggio, ed oggi, purtroppo,

nessuno lo era!

 

 

 

 

 

 

 

What do you want to do ?
New mail
What do you want to do ?
New mail
What do you want to do ?
New mail
What do you want to do ?
New mail

Ultimo aggiornamento (Domenica 05 Aprile 2020 10:33)

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna