Ultimi Commenti
  • Grazie! Grande articolo, non sempre si trovano per... Leggi...
    29.07.15 06:45
  • Gentilissimo prof Crea,vorrei contattarla per dell... Leggi...
    01.01.14 22:17
  • Sempre più sorprendente ...ancora una volta grazie... Leggi...
    21.11.13 15:58
  • gran bell'articolo, davvero interessante Leggi...
    20.12.09 10:58

In Bacheca

Mormanno e il suo dialetto (con filmato)
Venerdì 22 Agosto 2014
Mormanno e il suo dialetto Còsi cuséddrhi, canzùni, muttètti, dìtti, pruvèrbi: tùtta rròbba di Murumànnu. Presentato presso la Biblioteca... Leggi tutto...
Valdesi a Mormanno, in Calabria citra
Lunedì 21 Ottobre 2013
Introduzione Ringrazio di cuore l’Amico Saverio Napolitano 1, storico, per i suoi continui incoraggiamenti e la presentazione. Ringrazio per avermi... Leggi tutto...
I BRETTII, NOSTRI PROGENITORI
Sabato 07 Aprile 2018
    I Brettii, nostri Progenitori (1^ parte) Brevi Note sul “De antiquitate et situ Calabriae”di Gabriele Barrio (Francica (VV), 1506 circa... Leggi tutto...
San Fantino il Giovane
Sabato 07 Aprile 2018
Nacque in Calabria, in una località vicinissima alla Sicilia, dove ebbe per Maestro Sant’Elia. Trasferitosi già maturo nella regione del... Leggi tutto...
Mormanno : Lu Bucchinòttu
Venerdì 30 Marzo 2018
MORMANNO: lu bucchinòttu   Il cibo nella Calabria popolare del passato ha avuto un ruolo importante, soprattutto nelle ricorrenze religiose,... Leggi tutto...
San  Fantino il  Giovane
Nacque in Calabria, in una località vicinissima alla Sicilia, dove ebbe per Maestro Sant’Elia.
Trasferitosi già maturo nella regione del Mercurion, quindi nei monti intorno a Mormanno,vi trascorse 18 anni come eremita, dedito alla preghiera ed alla penitenza.

Ritornò in seguito alla vita cenobitica e fondò alcuni monasteri, ma di nuovo ritornò eremita nei monti e solo ogni tanto faceva visita ai suoi discepoli Giovanni, Zaccaria, Nicodemo e Nilo, dedito per lo più a trascrivere codici.

Si ascrivono a lui alcuni prodigi: Con un semplice gesto della mano allontanò un orso che saccheggiava frutta ed api, che mai più ritornò; all’invocazione del suo nome da parte di alcuni monaci assetati, zampillò subito acqua; e tanti altri.

Ma il Santo, “poiché la gente in massa affluiva a Lui continuamente”, decise di allontanarsi ed iniziò un pellegrinaggio verso il Santuario di S. Michele nel Gargano, ove giunse stanco dopo 18 giorni.

Ritornato tra i monti del Mercurion, compì altri miracoli.

Ma all’età di 60 anni, spinto da una visione, decise di partire per la Grecia con i discepoli Vitale e Niceforo.

Durante il viaggio in nave, rimasti senza acqua da bere, ordinò di riempire tutti i recipienti di acqua marina, che subito trasformò in acqua dolce.

Giunse a Corinto, poi si recò ad Atene, a Tessalonica(ove compì diversi prodigi e tante opere di carità).

Ormai vecchio e stanco, secondo la tradizione, lì morì il 30 agosto dell'anno 1000 dopo otto anni di predicazione.

Ovviamente non abbiamo nessuna certezza che S. Fantino possa essere stato anche a Mormanno, a quei tempi già piccolo borgo, ma le grotte e i cenobi citati erano abbastanza vicini, tra Papasidero e Mormanno.

Inoltre c’è un indizio che potrebbe avvalorare questa ipotesi, o, quantomeno,farci pensare che a Murumannum in passato dovesse essere ben conosciuto.

Non vedo altra spiegazione per la presenza di una tela che lo raffigura nella Chiesa, ora terremotata, di S. Filomena a Mormanno.

Credo che sia la tela della foto sopra, ma non ho avuto modo di verificare. Spero di farlo, se ancora esiste, la prossima estate.



Ultimo aggiornamento (Sabato 07 Aprile 2018 19:23)

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna