Ultimi Commenti
  • Grazie! Grande articolo, non sempre si trovano per... Leggi...
    29.07.15 06:45
  • Gentilissimo prof Crea,vorrei contattarla per dell... Leggi...
    01.01.14 22:17
  • Sempre più sorprendente ...ancora una volta grazie... Leggi...
    21.11.13 15:58
  • gran bell'articolo, davvero interessante Leggi...
    20.12.09 10:58

In Bacheca

Mormanno e il suo dialetto (con filmato)
Venerdì 22 Agosto 2014
Mormanno e il suo dialetto Còsi cuséddrhi, canzùni, muttètti, dìtti, pruvèrbi: tùtta rròbba di Murumànnu. Presentato presso la Biblioteca... Leggi tutto...
Valdesi a Mormanno, in Calabria citra
Lunedì 21 Ottobre 2013
Introduzione Ringrazio di cuore l’Amico Saverio Napolitano 1, storico, per i suoi continui incoraggiamenti e la presentazione. Ringrazio per avermi... Leggi tutto...
JUVENES MURUMANNENSES
Mercoledì 08 Novembre 2017
    Juvenes murumannenses : ut desint vires, tamen est laudanda voluntas. (Ovidio, Ex Ponto, 3,4) Alle Giovani ed ai Giovani mormannesi: anche se... Leggi tutto...
Il tema lirico:NERUDA:Posso scrivere i versi più tristi stanotte
Giovedì 05 Ottobre 2017
Pablo Neruda – Posso scrivere i versi più tristi stanotte. Posso scrivere i versi più tristi questa notte.Scrivere, ad esempio: La notte è... Leggi tutto...
Riflessioni sulle Pubblicazioni (Storia, Letteratura, ecc)
Martedì 15 Agosto 2017
Riflessioni sulle Pubblicazioni (Storia, Letteratura, ecc) Ogni evento di pubblicazione presuppone degli Scrittori, dei libri e dei lettori o, per... Leggi tutto...

Copertina del libro


Mormanno e il suo dialetto

Còsi cuséddrhi, canzùni, muttètti, dìtti, pruvèrbi: tùtta rròbba di Murumànnu.

Presentato presso la Biblioteca  comunale di Mormanno il 12 Agosto 2014 - Ore  18,15

In Italia ,negli ultimi 70 anni, sono scomparsi circa 200 dialetti.

Octavio Paz,, premio Nobel per la letteratura nel 1990, nel 2006 ha scritto:

Per ogni lingua che si estingue scompare un’immagine dell’uomo.

Questa mia ricerca sulle espressioni dialettali più tipiche di Mormanno si propone l’intento di non disperdere un patrimonio culturale tramandatosi per tante generazioni, ma che oggi va sempre più affievolendosi, soprattutto tra i giovani.

 

Trattasi di un patrimonio linguistico di espressioni idiomatiche tipiche diffuso ancora nella comunità, al quale ho aggiunto molte altre mie ricerche, iniziate nei primi anni di insegnamento nella Scuola Media.

 

Essendo andato chiedendo da molto tempo in giro alle persone più anziane, nonché ad amici e alunni, ho in tempi recenti ritrovato tanti appunti scritti a mano dai giovani o dai loro genitori o dai loro nonni.

 

Ho quindi ritenuto, scavando anche a fondo nella mia memoria, di poter salvare quanto più è stato possibile, per trasmetterli alle generazioni future: modi di dire, filastrocche, canzoni, proverbi, indovinelli; espressioni pregnanti, talvolta anche in rima, del popolo di Mormanno.

 

Erri De Luca, scrittore e poeta italiano, ha scritto :

Chi ha smesso di usare il dialetto è uno che ha rinunciato a un grado di intimità col proprio mondo e ha stabilito distanze .

Tutte le prossime generazioni di Mormannesi avranno così modo di conoscere modi di dire e agire di questa nostra comunità, i luoghi più amati (la casa, la chiesa, il vicinato e i suoi pettegolezzi, la cantina), e in campagna le possibili varianti meteorologiche in ogni stagione, le piante e gli animali e il modo

di accudirli, gli avvenimenti più importanti (semina, mietitura, potatura, vendemmia, ecc.), i cibi, le feste e gli svaghi.

Non ho la pretesa di ritenere questa ricerca esaustiva (qualcosa sfugge sempre!) ma ritengo di aver raccolto buona partedel nostro patrimonio culturale dialettale e che quindi, assieme al Vocabolario del prof. Luigi Paternostro, opera davvero meritoria e indispensabile, mi auguro di cuore che possa essere un importante punto di riferimento per i futuri figli di Mormanno.

 

L’Autore.


Còsi cusèddri, provèrbi, dìtti ecc.  (alcuni di 840)



Daìjntrh’a ’na vaschicèddrha

Quattrh’o cìncu quatrharèddrhi.


Ijàncu, rùssu, màrmu di spògghija,

fu Diu chi lu crijài pi maravìgghija!

Cu m’annummìna ’ssa còsa cùséddhra

si pìgghija ’nu cavàddhru cu la sèddrha


Màritu mèiju tèni lu ’mbimbirimbò

E si lu tòcca quànnu vò,

varaménti, quànnu ijé tirànti,

cà quànnu ijé mùsciju, pòcu li cànta


Tiritùppiti e pàni grattàtu

cònzam’ u lèttu ca sùngu malàtu

Sùngu malàtu di malincunìa

Cònzam’ u lèttu mugghijèri mìa.


. Tuvàgghij e l’amizétta

Ricamàva quann’èra shchètta.

Mò chi sùngu maritàta

vògghiju stàni ripusàta.


Abbùshca e pòrta ’ngàsa e dìci a màmma ca su’ ciràsi.


Caticatàscia vùl’ abbàsciu ca ti ’nzìccu ’ntrò ’na càscia, caticatàscia

vùl’assùsu ca ti ’nziccu ’ntrò lu pirtùsu.


Ijé gùna chi di li càzzi sòij ijètta lu vànnu.


Li ’nzònni di lu povurèddrhu rimànninu sùp’a lu cuscìnu.


L’òmmini:Da vìnt’ a trènta nun l’è pinz’ annènti, da

trènt’  a quarànta nì tàntu e nì quàntu, da quarànt'  a  cinquànta

fà nà bòtta e pò s’ incànta, passàt’ a cinquantìna

làssa la fèmmin’ e pìgghija la cantìna.


Pìgghijati lu bbònu quànnu l’àij, ca lu malamènti nun ti

mànca màij.


Si bbòi vàcci e si nò mannàcci.


Tèngu ’na fàmi, ’na sìt’ e ’nu sònn’e ’na picundrìja chi vàgu

cadènnu; ma quànnu mi pàssa l’amùri pi tòrnu, mi pàssa la

fàmi, la sìt’ e lu sònnu.

 

 

Ultimo aggiornamento (Martedì 15 Marzo 2016 12:10)

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna